venerdì 26 settembre 2008

ROSTI DI PATATE

Originariamente i contadini del canton Berna,in Svizzera, lo mangiavano per colazione; ora è diffuso in tutto il paese al punto da essere considerato uno dei piatti nazionali. Viene solitamente servito come contorno.
Anche se la ricetta base prevede solo patate, spesso vengono aggiunte cipolle, pancetta, formaggio, erbe aromatiche o anche mele.
Il rösti si prepara con patate grattugiate e mescolate con burro o olio, o in alternativa grattugiate e poi fritte leggermente in olio. Con le patate grattugiate si formano dei tondi dal diametro di 5-20 cm e alti 1-2 cm; spesso la forma del rösti è data semplicemente dalla padella usata per friggere.
Le opinioni sono diverse riguardo a come cucinare un perfetto rösti.
In particolare, le principali divergenze si hanno riguardo all'utilizzo di patate crude o lessate "al dente" come ingrediente principale; solitamente si usano le patate lesse se il rösti è servito come contorno, quelle crude se è il piatto principale. Anche il tipo di patata da utilizzare è un argomento molto discusso. In generale bisogna utilizzare patate che non si disfino lessandole.
Molto apprezzata dai buongustai è la combinazione tra pezzetti di vitello "alla zurighese" (cotti in padella con panna e vino rosso) e Rösti, piatto tipico del Canton Ticino.
Il piatto ha dato il nome al Röstigraben, termine utilizzato per indicare la differente mentalità degli abitanti della Svizzera romanda rispetto a quelli della Svizzera tedesca.


Ingredienti:
-500 gr di patate
-1 cipolla(o speck,o pancetta,o fontina,...)
-sale,pepe,rosmarino
-3 cucchiai di farina 00
-olio per friggere



.tagliare a julienne (con la grattugia a fori larghi) le patate pelate
.tritare molto finemente la cipolla e unirla alle patate
.aggiungere sale ,pepe,farina e un po' di rosmarino tritato
.lavorare tutto con le mani e formare i rosti oppure se avete a disposizione l'utensile per fare gli hamburger si puo' usare quello...


.cuocere nell'olio caldo 4 minuti per lato

.servire calde

Nessun commento: